Primo utente in Asia per BrainControl

A Seul il primo paziente in Asia, in stato di Locked-In da 10 anni per trauma cerebrale, a beneficiare della tecnologia Braincontrol

Si conclude nel migliore dei modi la missione, sponsorizzata dall’Unione Europea tramite il programma “EU Gateway”, che ha visto impegnato il team di BrainControl a Seul, in Korea del Sud, dall’11 al 15 marzo, dedicata all’Healthcare & Medical Technologies.
Alla soddisfazione dei tanti incontri di business si è infatti unita la gioia di aver aiutato un giovane di 28 anni di Seul, da 10 anni in stato di Locked-In per trauma cerebrale, a riprende a comunicare grazie a BrainControl.

L’ing. Pasquale Fedele, CEO di Liquidweb, ha dichiarato: ”Tale missione segue la precedente partecipazione ad un’iniziativa UNICEF, dove è nato il contatto con un familiare del paziente, ricercatore a Dublino. La gioia e lo stupore della famiglia sono state un’enorme soddisfazione. In poco tempo J. Y. ha ripreso a comunicare di nuovo con la sua famiglia, ed ha potuto avvertire che stava accusando un dolore alle braccia.”

Cos’è BRAINCONTROL
BrainControl AAC è un dispositivo di comunicazione aumentativa alternativa basato su Intelligenza Artificiale per l’interazione uomo-macchina mediante biofeedback.
Tale dispositivo prevede due modalità principali di interazione: “BCI AAC” e “Sensory AAC”:
Braincontrol BCI AAC, che utilizza la tecnologia Brain-Computer Interface (BCI), e permette l’interazione con il comunicatore mediante il solo uso del pensiero (movimenti immaginati) tramite un caschetto con sensori elettroencefalografici, rendendo il dispositivo utilizzabile anche nelle situazioni di completo locked-in (CLIS);
Braincontrol Sensory AAC, che sfrutta anche i più lievi movimenti residui della persona, quali il movimento oculare (anche minimo, per chi non è in grado di utilizzare il puntatore oculare standard), o quello di una palpebra, della guancia, ecc.

 

©2019 Liquidweb s.r.l. VAT 01293870521

Mini Cart 0

Your cart is empty.